Discussione:
Se i Pink Floyd si fossero fermati al 1971..
(troppo vecchio per rispondere)
Seldon
2006-12-03 02:48:10 UTC
Permalink
..certo non ci sarebbe stata la delusione di Darkside, il poppume di Wish
you were here, il rockettino di Animals, quella ciofeca di The Wall per non
parlare degli album-merda dopowaters..

:)

Quante volte sono state dette queste cose?
Io non sono molto d'accordo ma non voglio tanto entrare nel merito della
questione quanto invece evidenziare una probabile conseguenza della
supposizione fatta in oggetto. E' molto semplice:

ifmpf, i siti, gli hub, i blog e le radio dedicate specificamente a loro..
*NON ESISTEREBBERO*!
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Son Of Nothing
2006-12-03 02:51:36 UTC
Permalink
Post by Seldon
*NON ESISTEREBBERO*
Mica vero. Pensa ai Beatles.
Seldon
2006-12-03 11:44:08 UTC
Permalink
Post by Son Of Nothing
Pensa ai Beatles.
Fatto.
No, non c'entrano un tubo. I Beatles quando hanno chiuso bottega erano da
tempo il fenomeno di massa che non erano i Pink Floyd nel 1971.
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Bluesky
2006-12-03 15:39:57 UTC
Permalink
Post by Seldon
I Beatles quando hanno chiuso bottega erano da
tempo il fenomeno di massa che non erano i Pink Floyd nel 1971.
Esatto.
L'appunto di Seldon attiene alla diffusione del fenomeno PF (al successo del
gruppo), e non a quale loro periodo sia stato qualitativamente migliore.
Un altro esempio potrebbe essere i Doors: nel '71, quando Morrison morì,
"avevano già dato" (basti pensare allo sciame di api che andava ai loro
concerti...).
Anche se in questo caso - quello dei Doors - c'è da dire che proprio la
tragica fine di Morrison (ergo, la sua mitizzazione) contribuì a diffondere
ulteriormente e a posteriori, soprattutto in Europa, la loro discografia.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Son Of Nothing
2006-12-04 01:06:28 UTC
Permalink
I Beatles quando hanno chiuso bottega erano da tempo
il fenomeno di massa che non erano i Pink Floyd nel 1971.
Ma neanche per idea. Nel senso che i Floyd nel 1971
erano stati largamente in grado di "popolizzarsi", prima
con la filologia barrettiana, poi con lo space-rock di Asos.
E poi ci son stati Atom e Meddle... insomma, Vito: hai cannato.
Seldon
2006-12-04 01:19:52 UTC
Permalink
Post by Son Of Nothing
I Beatles quando hanno chiuso bottega erano da tempo
il fenomeno di massa che non erano i Pink Floyd nel 1971.
Ma neanche per idea. Nel senso che i Floyd nel 1971
erano stati largamente in grado di "popolizzarsi"
Dario, hai tirato in ballo i Beatles. Secondo te i PF del 71 erano
paragonabili, quanto a popolarità, ai "quattro ragazzi di liverpool.. lo
sanno tutti" (cit.), oppure a quella dei Gentle Giant oggi?

Ho menzionato i GG perchè li ho letti altrove nel 3d ma va detto pure che:
1) sono un amante del genere e dei GG; 2) non è affatto un male che i GG
non siano oggi popolari; 3) non è nemmeno un male che lo siano invece i
floyd ed infine: 4) non sarebbe stato un male se fossero stati conosciuti
da pochi cultori del genere.

Insomma la mia è una considerazione che esula dal merito.
Perchè la faccio? Perchè chi passa di qui può credere che il "fan medio"
sia un deluso di darkside, uno che odia quella ciofeca di the wall ecc ecc.
Tu credi (voi credete) che sia così davvero?
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Son Of Nothing
2006-12-04 01:42:20 UTC
Permalink
Post by Seldon
Dario, hai tirato in ballo i Beatles. Secondo te i PF del 71 erano
paragonabili, quanto a popolarità, ai "quattro ragazzi di liverpool"
Paragonabili senz'altro. Forse meno seguiti, ma ai concerti
dei Floyd la gente ci andava. E pure parecchia.

Se si fossero fermati al 1971? Who knows?
Credo non ci sia *certezza assoluta* su questo.
Post by Seldon
Insomma la mia è una considerazione che esula dal merito.
Perchè la faccio? Perchè chi passa di qui può credere che il "fan medio"
sia un deluso di darkside, uno che odia quella ciofeca di the wall ecc ecc.
Tu credi (voi credete) che sia così davvero?
Non esiste un "fan medio" dei Floyd, lo sai.
Ci sono i "porkylologi" e in genere i culturi della
sperimentazione, e ci sono i fan acefali dell'ultim'ora
che da Dark Side o dal Muro partono e lì si fermano.
Poi ci sono quelli "nati" con SOYCD (io) che son maturati
e hanno capito che i Floyd in precedenza avevano fatto
meglio. Per me è stato un caso, chè la Musica ho iniziato
ad ascoltarla coi Velvet Underground.
Seldon
2006-12-05 00:52:04 UTC
Permalink
Post by Son Of Nothing
Paragonabili senz'altro. Forse meno seguiti, ma ai concerti
dei Floyd la gente ci andava. E pure parecchia.
E la Beatlesmania? Non voglio dire troppe cose su ciò che non ho vissuto e
che magari ci racconta Valerio ma la storia e le cronache le ho lette. I
Beatles sono stati il più grande fenomeno musicale che ha avuto risvolto
sugli aspetti sociali di una intera generazione in tutto il mondo.

I floyd nel 71 potevano vendere, avere tutto il pubblico che dici. Ma
questa massa di "maniaci" sono arrivati dopo. E con questo non dico certo
che quello che hanno fatto dopo è meglio del prima eh! Mi limito ad
osservare quanto accaduto e ad esprimerne il concetto.
Post by Son Of Nothing
Se si fossero fermati al 1971? Who knows?
Credo non ci sia *certezza assoluta* su questo.
D'accordissimo. Chi vuol esser lieto sia..
Post by Son Of Nothing
Non esiste un "fan medio" dei Floyd, lo sai.
La distinzione che fai è corretta. Ma sappiamo bene che il fan
numericamente maggiormente presente è il wallaro/pinkschello. Vogliamo
chiamarlo medio? Non c'è nulla di male ad ammetterlo.
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Son Of Nothing
2006-12-05 01:02:54 UTC
Permalink
Post by Seldon
D'accordissimo.
E con te porto a casa la doppietta.
Per il terzo gol aspetto Paolo ;-)
AlexNet
2006-12-03 12:46:24 UTC
Permalink
per non parlare degli album-merda dopowaters..
Non è waters, IMHO, il separatore tra l'agonia dei PF e la loro fare
creativa.

Era già finita, e waters da solo non avrebbe fatto nulla negli anni
precedenti.

Senza le musiche di gilmour, la sua abilità nel cantare e suonare.
Senza gli arrangiamenti sapienti di wright... di cosa parleremmo
adesso? Di testi ossissivi (spesso scassacazzo), di guerre e di
scimmie nell'angolo?.

Perdonate la breve parentesi :-P

Ciao.
--
_________________________
www.alexnet.it
Un giorno, forse, questo sarà il mio sito.. :-P
Pino Pinto
2006-12-03 13:03:55 UTC
Permalink
Post by Seldon
ifmpf, i siti, gli hub, i blog e le radio dedicate specificamente a loro..
*NON ESISTEREBBERO*!
Uhmmm... beh, sì, sarebbero come, chessò, i VDGG.
E' un male?
--
Now Playing:
Necrosybillinous God - In the hills of perversion
Seldon
2006-12-04 01:23:31 UTC
Permalink
Post by Pino Pinto
Uhmmm... beh, sì, sarebbero come, chessò, i VDGG.
E' un male?
No affatto. Non parlavo di qualità Pino. Parlavo di diffusione, di
condivisione, del fatto che The Wall, tanto per dire, venuto fuori dai
"falsi" Pink Floyd è comunque un prodotto floydiano al quale i fan di oggi
e di ieri devono qualcosa.

NB: ce la facciamo 'na pizza prima di Natale?
PS: se passa di qui tale Bike salutatemelo che al telefono non risponde.
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Bluesky
2006-12-03 15:23:15 UTC
Permalink
Il 03 Dic 2006, 03:48, Seldon <***@trantor.edu> ha scritto:

Beh, fino al 1971... l'anno di Meddle, insomma.
C'era già stato anche Atom Heart Mother; io allora "non avevo l'età", ma
presumo che un loro medio-piccolo pubblico affezionato già ce l'avevano.
Post by Seldon
ma non voglio tanto entrare nel merito della
questione quanto invece evidenziare una probabile conseguenza della
ifmpf, i siti, gli hub, i blog e le radio dedicate specificamente a loro..
*NON ESISTEREBBERO*!
Questo è assolutamente... oggettivo.
Ci piaccia o no - abbiano essi "tradito", o semplicemente si siano evoluti -
è andata come dici tu.
Sono talmente d'accordo con la tua considerazione che, per fare la
controprova, domanderei:
"Alzi la mano chi - purchè non ultracinquantenne - ha veramente conosciuto
per la prima volta il nome PF ascoltando inizialmente "Astronomy Domine" o
"Careful with that axe, Eugene", anzichè "Another brick in the wall part 2"
o "Wish you were here", o "Time".

Non facciamo gli ipocriti, sù :-)
Il successo commerciale dei dischi da The Dark Side in poi ha fatto da
autostrada per conoscere e diffondere i dischi precedenti, che altrimenti
sarebbero rimasti tesoro solo di una cerchia ristretta di fan (*).
Altro che tourneè mondiali e tutto il resto, dai.
Mi viene da buttar lì un paragone a caso (non di tempi, visto che son nati
proprio nei primi anni '70, e forse nemmeno tanto di stile musicale): i
Gentle Giant.
Perchè non esiste minimamente attorno alla storia dei Gentle Giant la stessa
popolazione e attenzione quantitativa che c'è attorno a quella dei PF?

(*) Non perchè non belli, ma semplicemente perchè "non pervenuti", non se se
mi spiego.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
mazapegul
2006-12-03 17:45:38 UTC
Permalink
Post by Bluesky
Non facciamo gli ipocriti, sù :-)
Il successo commerciale dei dischi da The Dark Side in poi ha fatto da
autostrada per conoscere e diffondere i dischi precedenti, che altrimenti
sarebbero rimasti tesoro solo di una cerchia ristretta di fan (*).
Altro che tourneè mondiali e tutto il resto, dai.
guarda che i Pink Floyd nel '71 erano gia' discretamente famosi, pure
con un totale di tourne' mondiali alle spalle. non esattamente "una
cerchia ristretta di fan".
--
http://pguiducci.com
"Jazz is not dead, it just smells funny." (F. Zappa)
Bluesky
2006-12-04 00:51:33 UTC
Permalink
Post by mazapegul
guarda che i Pink Floyd nel '71 erano gia' discretamente famosi, pure
con un totale di tourne' mondiali alle spalle. non esattamente "una
cerchia ristretta di fan".
Uhm... potrei benissimo sbagliarmi - naturalmente non conosco la storia live
dei PF a memoria - però non mi pare che l'attività concertistica pre-Dark
Side sia stata così massiccia e "mondialista" come quella successiva.

Fino al '71 si saranno esibiti al 50% in Inghilterra, e il resto in alcuni
paesi dell'Europa Occidentale, Usa (ma solo alcune annate) e forse Canada.
Spesso all'interno di festivals vari o con altri gruppi (tipo l'Hendrix
Tour).
Solo proprio col '71 hanno iniziato a uscire dai paesi... extra-Nato, e a
farsi vedere molto più spesso negli stessi Usa.
Io, per "tourneè mondiali", intendevo quelle nel termine più convenzionale,
che toccano diversi continenti in un'annata sola, quelle tutte loro e loro
soltanto, da "rock star" insomma, con anche Giappone, Australia, ecc. Roba
che se la son permessa, una volta raggiunto il successo, solo i vari Rolling
Stones, Queen, Springsteen, Deep Purple, U2, ecc. E PF, appunto.
Poi, ci mancherebbe, anche Raul Casadei si sarà magari esibito più volte a
Sydney o Montevideo, ma mi vien difficile pensare al vocabolo "tourneè
mondiali" a proposito di lui e il suo gruppo :-)

Riconosco, invece, che il termine "cerchia ristretta di fan" non è stato
molto azzeccato, hai ragione.
Ho sbagliato perchè pensavo, più che altro, al confronto con la popolarità
(in termini numerici) raggiunta dopo.

Ma mi sembra che non hai risposto (anche nell'altro repost) ad una domanda
specifica, che credo sia il fulcro del thread proposto da Seldon: al di là
delle distinzioni critiche e di qualità artistica - nulla quaestio sulla
maggior originalità e creatività dei primi dischi - secondo te i PF ci
sarebbero "pervenuti" lo stesso, se si fossero fermati a "Meddle"? A noi
giovani, intendo. Under cinquanta, insomma.
Tu con quali brani li hai *iniziati* a conoscere?

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Son Of Nothing
2006-12-04 01:10:06 UTC
Permalink
Post by Bluesky
potrei benissimo sbagliarmi
Togli il "potrei".
Son Of Nothing
2006-12-04 01:09:39 UTC
Permalink
Post by Bluesky
Perchè non esiste minimamente attorno alla storia
dei Gentle Giant la stessa popolazione e attenzione
quantitativa che c'è attorno a quella dei PF?
A parte che sbagli *anche* su questo, nel periodo d'oro
del prog tiravano più Genesis e Yes se non addirittura
i Jethro Tull...
Valerio S
2006-12-04 05:39:37 UTC
Permalink
Post by Son Of Nothing
Post by Bluesky
Perchè non esiste minimamente attorno alla storia
dei Gentle Giant la stessa popolazione e attenzione
quantitativa che c'è attorno a quella dei PF?
A parte che sbagli *anche* su questo, nel periodo d'oro
del prog tiravano più Genesis e Yes se non addirittura
i Jethro Tull...
Valerio S:
Ma di chi parli, dei Pink Floyd o dei Gentle Giant, in rapporto
a Genesis, Yes, Jethro Tull?
Parto da presupposto che tu stia stabilendo un confronto
fra i Pink Floyd e i gruppi da te citati (maggiore precisione
nei post è molto utile al fine di evitare fraintesi, comunque).

Cosa vuol dire non aver vissuto direttamente quel periodo...
NEI FATTI OGGETTIVI NON ERA COSI'.
1) Perché comunque nel 1970-71 i dischi dei Pink Floyd riuscivano a
vendere (almeno in Italia) più di quelli di tutti gli artisti da te
nominati, compresi gli Yes. Nell'autunno 1970 Atom Heart Mother
arrivò al secondo posto delle classifiche italiane. Vai a vedere se
i LP dei Genesis o degli Yes ci riuscivano, in quel periodo. Certo
nel 1972 per Yes e Genesis sarebbe salito notevolmente il loro
successo, così come per i Jethro Tull di Thick Is A Brick nello
stesso anno. I Gentle Giant in quegli anni vendevano bene
(in Italia), ma comunque meno dei Pink Floyd.

2) Perché nel 1971 i Pink Floyd erano già obbligati a esibirsi negli
spazi del palasport, che erano pure gremiti, quando sono arrivati in
Italia. Mentre nello stesso anno i Genesis e i Gentle Giant quasi sempre
si esibivano in teatri, con un pubblico minore (tranne quando i Gentle
Giant fecero da spalla ai Jethro Tull, in una tournèe che avvenne nei
Palasport, divenuta famosa perché il pubblico alla fine della esibizione
dei Gentle Giant voleva richiamare loro GG e NON i Jethro Tull, tanto
erano rimasti entusiasti dal "gruppo spalla").

3) Perché già nel 1971 fra i miei conoscenti forse si parlava più dei
Pink Floyd che di qualunque altro artista o gruppo. Metti che più o meno
erano già conosciuti come i Led Zeppelin o i Deep Purple.

4) A ulteriore conferma del punto 3), il sondaggio presso i lettori di
Ciao 2001 fatto ai primi mesi del 1971 evidenziò che per la categoria
"gruppi" i Pink Floyd venivano al secondo posto come apprezzamento,
subito dopo i Led Zeppelin.

Il fatto è con The Dark Side of the Moon la popolarità (e le vendite)
dei Pink Floyd crebbero in maniera vertiginosa, perché si ampliò sino
quasi all'inverosimile "l'areale" delle persone che potevano fruire di
quel disco: persino molti che prima si tenevano alla larga sinanco
dal rock "comune", ossia ascoltavano solo canzoni pop easy listening,
furono affascinati da The Dark Side Of The Moon.
Nel 1975 i Pink Floyd erano ormai "IL gruppo", e tutti gli altri come
successo e popolarità rimanevano come minimo una spanna dietro,
se non anche due.

Quindi è una questione di PROPORZIONI. I Pink Floyd del 1971
non erano ancora quel fenomeno planetario globale che stabiliva
nuovi recordi mondiali di vendite, ma erano comunque già abbastanza
famosi e apprezzati da abbastanza persone da poter raggiungere
se non il posto N°1 perlomeno i primissimi posti delle classifiche
europee (quelle americane un po' meno...).

Saluti
--
|*** it.fan.musica.pink-floyd *** ; se non l'hai gia' fatto,
| leggi per favore il manifesto del NG... :-)
| quando ti e' possibile, leggi anche le FAQ del NG
Bluesky
2006-12-04 21:18:56 UTC
Permalink
Il 04 Dic 2006, 06:39, Valerio S
Post by Valerio S
Post by Son Of Nothing
A parte che sbagli *anche* su questo, nel periodo d'oro
del prog tiravano più Genesis e Yes se non addirittura
i Jethro Tull...
Ma di chi parli, dei Pink Floyd o dei Gentle Giant, in rapporto
a Genesis, Yes, Jethro Tull?
Parto da presupposto che tu stia stabilendo un confronto
fra i Pink Floyd e i gruppi da te citati (maggiore precisione
nei post è molto utile al fine di evitare fraintesi, comunque).
Invece io credo che - dimostrando di non aver capito cosa argomentavo - il
Son facesse un paragone tra i Gentle Giant e gli altri gruppi.
Perchè - altrimenti - ce ne vorrebbe, per affermare che Jethro Tull e/o Yes
spopolavano più dei Pink Floyd :-)

Non ha capito, presumo, che ho citato proprio i Gentle Giant, quale
esempio-limite, per dimostrare come - senza una successiva affermazione
commerciale - la discografica più originale e "illuminata" d'un buon gruppo
purtroppo non perviene - nemmeno a posteriori - ad un così vasto pubblico.
Cosa che è avvenuta invece con i PF, grazie appunto a The Dark Side e
seguenti, album che hanno fatto da buon veicolo (presso un più grande
pubblico) anche per la discografia precedente.


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Son Of Nothing
2006-12-04 22:36:27 UTC
Permalink
Post by Bluesky
Non ha capito, presumo, che ho citato proprio i Gentle Giant, quale
esempio-limite, per dimostrare come - senza una successiva affermazione
commerciale - la discografica più originale e "illuminata" d'un buon gruppo
purtroppo non perviene - nemmeno a posteriori - ad un così vasto pubblico.
Cosa che è avvenuta invece con i PF, grazie appunto a The Dark Side e
seguenti, album che hanno fatto da buon veicolo (presso un più grande
pubblico) anche per la discografia precedente.
Ho capito, umano.
Per questo ribadisco che hai torto marcio.
Bluesky
2006-12-06 00:28:08 UTC
Permalink
Post by Son Of Nothing
Post by Bluesky
Non ha capito, presumo, che ho citato proprio i Gentle Giant, quale
esempio-limite, per dimostrare come - senza una successiva affermazione
commerciale - la discografica più originale e "illuminata" d'un buon gruppo
purtroppo non perviene - nemmeno a posteriori - ad un così vasto pubblico.
Cosa che è avvenuta invece con i PF, grazie appunto a The Dark Side e
seguenti, album che hanno fatto da buon veicolo (presso un più grande
pubblico) anche per la discografia precedente.
Ho capito, umano.
Per questo ribadisco che hai torto marcio.
O Son, potrà ben essere che non tu non riesca a legger ciò che leggi, e di
conseguenza ad argomentare per iscritto.
Ma forse - più probabilmente - hai una "maschera internettara" da dover
costantemente indossare, per poterti sentire sicuro e a posto con te stesso.
Auguri.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Son Of Nothing
2006-12-06 00:59:21 UTC
Permalink
Post by Bluesky
Auguri.
Come facevi a sapere che il 6 compio gli anni?
Bluesky
2006-12-06 21:16:50 UTC
Permalink
Post by Son Of Nothing
Post by Bluesky
Auguri.
Come facevi a sapere che il 6 compio gli anni?
Gli auguri si riferivano alle imminenti festività natalizie.
E - marginalmente, perbacco - anche ad un'impostazione un po' più serena, da
parte tua, dello scrivere/leggere in un Ng.
Riguardati.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Son Of Nothing
2006-12-06 21:25:34 UTC
Permalink
Post by Bluesky
Gli auguri si riferivano alle imminenti festività natalizie.
E - marginalmente, perbacco - anche ad un'impostazione
un po' più serena da parte tua,dello scrivere/leggere in un Ng.
Non sai quanto mi duole non avere il piacere di conoscere
personalmente una strepitosa macchietta quale tu sei.
Sei unico. E non scherzo.
Pazienza, me ne farò una ragione.
Post by Bluesky
Riguardati.
Fatto. Ed il mio ego è accresciuto.

p.s. un giorno vedrai la luce
Andrea-Pinky
2006-12-06 21:43:44 UTC
Permalink
Me ne ritorno ora, tomo tomo, cacchio cacchio, e ti becco Son Of Nothing
Post by Son Of Nothing
Post by Bluesky
Auguri.
Come facevi a sapere che il 6 compio gli anni?
e allora tante angurie Dario!
--
Shine on!
Andrea
---
www.andersoncouncil.it
per scrivermi leva le dita dal naso
---
SIb FA SOL MI
Son Of Nothing
2006-12-06 21:50:45 UTC
Permalink
Post by Andrea-Pinky
e allora tante angurie Dario!
MiTTico Andrea!!!

p.s. ma vaffanculo... ^_^

p.p.s. sei un grande
Seldon
2006-12-06 22:22:47 UTC
Permalink
Post by Son Of Nothing
Post by Bluesky
Auguri.
Come facevi a sapere che il 6 compio gli anni?
Mentre svieni in chat.. ti faccio gli auguri, qui.
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Son Of Nothing
2006-12-04 22:34:54 UTC
Permalink
Post by Valerio S
Ma di chi parli, dei Pink Floyd o dei Gentle Giant,
in rapporto a Genesis, Yes, Jethro Tull?
Del Gigante Gentile.
Post by Valerio S
Parto dal presupposto che tu stia stabilendo un confronto
fra i Pink Floyd e i gruppi da te citati (maggiore precisione
nei post è molto utile al fine di evitare fraintesi, comunque).
Vero, rileggendomi ho notato un po' di disordine.
E' un difetto che c'ho dalla nascita (cit.)
Post by Valerio S
Cosa vuol dire non aver vissuto direttamente quel periodo...
E come cazzo t'invidio...

Comunque, tutto il senso della tua replica decade,
chè son d'accordo su tutta la linea con te (e tu con me).
In realtà contestavo il confronto fra Gentle Giant
e "resto-del-mondo-prog". E lì ci ho ragione.
Post by Valerio S
Quindi è una questione di PROPORZIONI. I Pink Floyd del 1971
non erano ancora quel fenomeno planetario globale che stabiliva
nuovi recordi mondiali di vendite, ma erano comunque già abbastanza
famosi e apprezzati da abbastanza persone da poter raggiungere
se non il posto N°1 perlomeno i primissimi posti delle classifiche
europee (quelle americane un po' meno...).
Appunto.
Pur non avendo vissuto quel periodo storico, so benissimo
quanto - ben prima di Dark Side - erano apprezzati e noti
i Floyd. E non solo fra la "gente comune", come tu m'insegni.
Senza ASOS, il kraut-rock non avrebbe avuto tale credito.
Anzi, forse non sarebbe manco nato.
vercoquin
2006-12-05 11:02:26 UTC
Permalink
Post by Son Of Nothing
Senza ASOS, il kraut-rock non avrebbe avuto tale credito.
Anzi, forse non sarebbe manco nato.
Forse, piu' che del kraut, si dovrebbe parlare di alcuni 'corrieri cosmici'.
le basi del kraut furono gia' gettate qualche tempo prima dalle Mothers
of Invention di Zappa (es. 'Help I'm a Rock') e dalla banana dei Velvet.

--
fab
Seldon
2006-12-04 01:26:49 UTC
Permalink
Post by Bluesky
"Alzi la mano chi - purchè non ultracinquantenne - ha veramente conosciuto
per la prima volta il nome PF ascoltando inizialmente "Astronomy Domine" o
"Careful with that axe, Eugene", anzichè "Another brick in the wall part 2"
o "Wish you were here", o "Time".
Giusto, sono d'accordo e non alzo la mano. E' ovvio che *dopo* (tralasciamo
il fattore tempo) la conoscenza iniziale chiunque è in grado di stabilire
cosa preferisce dell'opera dei nostri.
Post by Bluesky
Perchè non esiste minimamente attorno alla storia dei Gentle Giant la stessa
popolazione e attenzione quantitativa che c'è attorno a quella dei PF?
Forse non hanno mai inciso Another brick in the wall 2.
;)
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Bluesky
2006-12-04 21:25:29 UTC
Permalink
Post by Seldon
Post by Bluesky
Perchè non esiste minimamente attorno alla storia dei Gentle Giant la stessa
popolazione e attenzione quantitativa che c'è attorno a quella dei PF?
Forse non hanno mai inciso Another brick in the wall 2.
;)
Esatto, hai intuito come fosse retorica la mia domanda :-)
E' cinico constatarlo, ma queste sono - realisticamente - le vicende del
rock (e non solo del rock).
Quindi ben siano venuti The Dark Side & seguenti, se son stati decisivi per
far conoscere a più persone la produzione pinkfloydiana dei '60 (e del
'70-'71 :-)

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Seldon
2006-12-05 00:54:21 UTC
Permalink
Post by Bluesky
Quindi ben siano venuti The Dark Side & seguenti, se son stati decisivi per
far conoscere a più persone la produzione pinkfloydiana dei '60 (e del
'70-'71 :-)
Quoto abbestia!
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
mazapegul
2006-12-03 17:45:39 UTC
Permalink
Post by Seldon
..certo non ci sarebbe stata la delusione di Darkside, il poppume di Wish
you were here, il rockettino di Animals, quella ciofeca di The Wall per non
parlare degli album-merda dopowaters..
per me il punto della questione e' un'altro. non si rimprovera il gruppo
di avere efettuato una svolta commerciale, si cerca piuttosto di fare
una distinzione critica, ed ampiamente motivata.
se in questo ng non ci fosse spazio per una critica intelligente, allora
non sarebbe un gran danno se non esistesse.
--
http://pguiducci.com
"Jazz is not dead, it just smells funny." (F. Zappa)
Seldon
2006-12-04 01:32:14 UTC
Permalink
Post by mazapegul
per me il punto della questione e' un'altro. non si rimprovera il gruppo
di avere efettuato una svolta commerciale, si cerca piuttosto di fare
una distinzione critica, ed ampiamente motivata.
Sono d'accordo. Ma la distinzione critica non ci sarebbe stata in questa
misura, con questa passione, non ci sarebbero stati nemmeno centomila
critici dei floyd ma solo un centinaio. I fan di oggi interessati ad aprire
questioni, dubbi, curiosità eccetera sarebbero stati, quantitativamente
parlando, quelli dei Gentle Giant con tutto il rispetto (già ribadito
altrove nel 3d) per i fan e per i GG stessi.
Post by mazapegul
se in questo ng non ci fosse spazio per una critica intelligente, allora
non sarebbe un gran danno se non esistesse.
Anche su questo sono d'accordo con te.
Ma sinceramente se la critica è sempre la solita cantilena (non la ripeto,
ci siam capiti) allora diventa tutto un po' palloso specie per il fan di
primo pelo che passa di qua e va via inorridito.

Tu dirai (o qualcuno dirà): "ma a te che te ne fotte del fan di primo
pelo?" e io ti risponderei: "in effetti.. è vero... niente". ;)
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Valerio S
2006-12-04 05:55:54 UTC
Permalink
Post by Seldon
I fan di oggi interessati ad aprire
questioni, dubbi, curiosità eccetera sarebbero stati, quantitativamente
parlando, quelli dei Gentle Giant con tutto il rispetto (già ribadito
altrove nel 3d) per i fan e per i GG stessi.
Valerio S:
Vito, in un altro posto poco fa spedito in risposta a Dario ho detto
che *oggettivamente* (e se vuoi te lo sottoscrivo quello
OGGETTIVAMENTE), per motivi che in parte ho esposti,
di fatto la popolarità dei Pink Floyd nel 1971 era indubbiamente
superiore a quella dei Gentle Giant, anzi, qui in Italia se la
giocavano persino coi Led Zeppelin. Chi ha vissuto quel periodo
ed era interessato alla musica, lo sa bene.
Post by Seldon
Post by mazapegul
se in questo ng non ci fosse spazio per una critica intelligente, allora
non sarebbe un gran danno se non esistesse.
Anche su questo sono d'accordo con te.
Ma sinceramente se la critica è sempre la solita cantilena (non la ripeto,
ci siam capiti) allora diventa tutto un po' palloso specie per il fan di
primo pelo che passa di qua e va via inorridito.
Valerio S:
Se ti riferisci anche al mio post sul thread "Ricordi N.3 - The Wall",
troverei un po' improprio chiamarlo "critica": è una esposizione
analitica degli eventi che portarono al "divenire" della musica del
gruppo, con un chiarimento circa la questione del "ruolo" dei Pink
Floyd come pionieri della sperimentazione "spinta" nel rock.
E non mi sembra affatto "la solita cantilena".
Ma forse ti riferivi a quacos'altro (anzi, lo spero...).

Saluti
--
|*** it.fan.musica.pink-floyd *** ; se non l'hai gia' fatto,
| leggi per favore il manifesto del NG... :-)
| quando ti e' possibile, leggi anche le FAQ del NG
Seldon
2006-12-05 01:04:23 UTC
Permalink
Post by Valerio S
Vito, in un altro posto poco fa spedito in risposta a Dario ho detto
che *oggettivamente* (e se vuoi te lo sottoscrivo quello
OGGETTIVAMENTE), per motivi che in parte ho esposti,
di fatto la popolarità dei Pink Floyd nel 1971 era indubbiamente
superiore a quella dei Gentle Giant
Ti credo, ma la questione non era incentrata sulla classifica di popolarità
del tempo che pure può interessare. I Gentle Giant sono stati presi come
esempio, credo anche valido da Bluesky, non per fare un paragone statico ma
dinamico: i GG di oggi (così come i pure citati VDGG), o meglio,
l'interesse che il pubblico nel suo complesso nutre verso GG o VDGG è pari
a quello che ci sarebbe se i floyd non avessero mai realizzato darkside e
tutto quanto venuto dopo.
Post by Valerio S
Ma forse ti riferivi a quacos'altro (anzi, lo spero...).
Mi riferivo ad altro.
L'ho appena riscritto ma non è un pensiero che è nato per aver letto
qualcos di tuo o di qualcun altro nello specifico. Semplicemente quello è
da tempo un mio pensiero. E' una vita che vado decantando le lodi di The
Wall più come album di "diffusione" del resto della musica del gruppo
piuttosto che come opera a se tanto per fare un esempio. Ho voluto quindi
ribadire questo pensiero. I floyd sono stati anche quel che han fatto a
partire di darkside.

Ma, e qui apro un'altra questione, c'è il fatto che per la maggior parte
dei fan i pink floyd sono ESCLUSIVAMENTE quel che han fatto da darkside in
avanti.. Sbaglio?
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Bluesky
2006-12-06 00:50:10 UTC
Permalink
Post by Seldon
E' una vita che vado decantando le lodi di The
Wall più come album di "diffusione" del resto della musica del gruppo
piuttosto che come opera a se tanto per fare un esempio.
Sì: album (col 45 giri...) e anche film.
Sono entrambi stati molto divulgativi, in questo senso.
Facciamocene una ragione :-)
Post by Seldon
Ma, e qui apro un'altra questione, c'è il fatto che per la maggior parte
dei fan i pink floyd sono ESCLUSIVAMENTE quel che han fatto da darkside in
avanti.. Sbaglio?
Purtroppo sì.
E nemmeno tutta la trafila dal '73 in poi..: spesso saltano a piè pari
"Animals", e di "The final cut" manco sanno l'esistenza! Però poi magari
c'hanno il disco "dei letti"... bah.

A conferma dell'affermazione di Seldon ci sono, secondo me, le scalette dei
concerti dall' '87-'88 avanti, per entrambi le "fazioni" (sia Waters da
solo, sia gli altri tre): la canzone più vecchia tra quelle proposte - a mia
memoria - è "One of these days" (l'unica pre-Dark Side). O al limite "Set
the controls for the heart..." (Waters ogni tanto, o no?).
Un motivo ci sarà, se propongono generalmente solo queste due pre-Dark Side
al cosiddetto "grande pubblico dei concerti", pur avendo a disposizione
tutta la loro discografia dal '67 in poi?

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Andrea-Pinky
2006-12-06 19:53:27 UTC
Permalink
Me ne ritorno ora, tomo tomo, cacchio cacchio, e ti becco Bluesky che se
Post by Bluesky
A conferma dell'affermazione di Seldon ci sono, secondo me, le scalette dei
concerti dall' '87-'88 avanti, per entrambi le "fazioni" (sia Waters da
solo, sia gli altri tre): la canzone più vecchia tra quelle proposte - a mia
memoria - è "One of these days" (l'unica pre-Dark Side). O al limite "Set
the controls for the heart..." (Waters ogni tanto, o no?).
Un motivo ci sarà, se propongono generalmente solo queste due pre-Dark Side
al cosiddetto "grande pubblico dei concerti", pur avendo a disposizione
tutta la loro discografia dal '67 in poi?
ocio... Astonomy Domine fu in scaletta nel '94-5, poi brani barrettiani
+ Echoes nei live di Gilmour.... comunque:
1-coi pezzi vecchi il 95% del pubblico pagante si smeriglia le palle
(puccioppo) ergo, politica di mercato
2-certi brani sono imbarazzanti da suonare a 60 anni e dopo essersi
tolti tanti sfizi in sperimentazione uno poi si scassa anche le
balle..... :-D
--
Shine on!
Andrea
---
www.andersoncouncil.it
per scrivermi leva le dita dal naso
---
SIb FA SOL MI
Bluesky
2006-12-06 21:50:48 UTC
Permalink
Il 06 Dic 2006, 20:53, Andrea-Pinky
Post by Andrea-Pinky
ocio... Astonomy Domine fu in scaletta nel '94-5, poi brani barrettiani
+ Echoes nei live di Gilmour....
Ah? Non lo sapevo, grazie per la precisazione.
E i "brani barrettiani + Echoes nei live di Gilmour...": intendi Gilmour da
solo, o con gli altri due?
Post by Andrea-Pinky
1-coi pezzi vecchi il 95% del pubblico pagante si smeriglia le palle
(puccioppo) ergo, politica di mercato
Sì, ma infatti confermi quello che intendevo dire... per compiacere il
"vasto pubblico pagante" d'oggi (o insomma, dell'ultimo ventennio circa),
non sono andati quasi mai a ripescare nei '60.
Segno che il veicolo della loro produzione (ehi, ho detto *veicolo*... non
"meglio", o "peggio") presso il grande pubblico, è stata la discografia post
'71-'72.

Salud.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
mazapegul
2006-12-06 22:54:44 UTC
Permalink
Post by Andrea-Pinky
2-certi brani sono imbarazzanti da suonare a 60 anni e dopo essersi
tolti tanti sfizi in sperimentazione uno poi si scassa anche le
balle..... :-D
mettersi a risuonare i brani della lontana gioventu', specie se il tutto
e' scontornato da quell'aura nostalgica (o per nostalgici),
effettivamente puo' risultare patetico.
che poi diciamo la verita', e' da piu' di 20 anni che se i Pink Floyd
rifanno un brano pre Dark Side o e' una "canzoncina" o lo rifanno al
cloroformio, per non dire di peggio. altro che sperimentazione.
mentre il materiale post Dark Side gli va ancora bene.


comunque, avete scassato il cazzo con 'sta palla dei 60 anni! :-)

Steve Reich, 70 anni e fa ancora sperimentazione
La Monte Young, 70 anni e fa ancora sperimentazione
Terry Riley, 70 anni e fa ancora sperimentazione
John Cage, morto a 80 anni, e faceva ancora sperimentazione
Edgard Varèse, morto a 82 anni, e faceva ancora sperimentazione
Karlheinz Stockhausen, quasi 80 anni e fa ancora sperimentazione

Gilmour e soci, 60 anni e fanno musica per case di riposo
.

saluti :-)
--
http://pguiducci.com
"Jazz is not dead, it just smells funny." (F. Zappa)
Valerio S
2006-12-07 01:53:31 UTC
Permalink
Post by mazapegul
che poi diciamo la verita', e' da piu' di 20 anni che se i Pink Floyd
rifanno un brano pre Dark Side o e' una "canzoncina" o lo rifanno al
cloroformio, per non dire di peggio. altro che sperimentazione.
mentre il materiale post Dark Side gli va ancora bene.
Valerio S:
Il fatto è che i PF da decenni non hanno più lo spirito idoneo
per impegnarsi nei loro vecchi pezzi "sperimentali".
Post by mazapegul
comunque, avete scassato il cazzo con 'sta palla dei 60 anni! :-)
Steve Reich, 70 anni e fa ancora sperimentazione
La Monte Young, 70 anni e fa ancora sperimentazione
Terry Riley, 70 anni e fa ancora sperimentazione
John Cage, morto a 80 anni, e faceva ancora sperimentazione
Edgard Varèse, morto a 82 anni, e faceva ancora sperimentazione
Karlheinz Stockhausen, quasi 80 anni e fa ancora sperimentazione
Gilmour e soci, 60 anni e fanno musica per case di riposo
Valerio S:
Vero, ma tutti gli artisti da te citati, da Steve Reich a Karlheinz
Stockhausen, non sono esattamente musicisti "rock"...
Per la stragrande maggioranza dei musicisti rock che abbiano
fatto sperimentazione, tale scelta è stata prima o poi abbandonata,
oppure hanno smesso di fare dischi (e di fare musica per professione).

Vi è anche il fatto che la maggioranza del pubblico rock tende ad essere
piuttosto "conservatrice" per quanto riguarda gli elementi fondamentali
del genere musicale. Qui Napra afferma che Nevermind dei Nirvana di
Seattle e di Kurt Cobain (chi conosce la psichedelia sa che molto prima
di loro esisteva a fine anni '60 un gruppo psichedelico che si chiamava
Nirvana) sia il disco più importante nel rock degli anni '90. Se andiamo
a vedere nello specifico, le radici di quel sound "grunge" possono
risalire addirittura a certo "garage rock" della metà degli anni '60...
da cui poi si originarono l'hard rock e anche il punk-rock, seguendo
strade diverse e con motivazioni assai differenti (anche se
probabilmente Johnny Rotten, Sid Vicious e compagnia non conoscevano
assolutamente il garage-rock americano e forse neppure i precursori
più diretti del punk, avete presente quel tipo che è sempre a torso nudo
nei concerti? ;-) ).
Post by mazapegul
"Jazz is not dead, it just smells funny." (F. Zappa)
Valerio S:
Eh si, proprio Frank Zappa, SE gli fosse stato concesso di vivere
ancora, probabilmente ancora oggi si dedicherebbe a qualche sua
sperimentazione. Ma Zappa comunque non è riducibile alla categoria
di "musicista rock"... una volta, anche i Pink Floyd talvolta
"debordavano" dal rock (vedi ASOS, Sysyphus, The Grand Vizier's
Garden Party...). Una volta. Ma nel rock spesso la sperimentazione,
*quando* la si fa, è più frutto di curiosità, ludicità sonora e "voglia
di fare qualcosa di diverso" che di una profonda convinzione ed
una forte attitudine. E di solito dura solo per un po' di tempo.
Sicuramente anche il fatto che la gran maggioranza del pubblico rock
non sia poi così portata a cercare la sperimentazione nella musica,
ha una sua influenza sul processo tendenziale di "coattazione" nel rock.

Ciao
--
|*** it.fan.musica.pink-floyd *** ; se non l'hai gia' fatto,
| leggi per favore il manifesto del NG... :-)
| quando ti e' possibile, leggi anche le FAQ del NG
mazapegul
2006-12-09 20:56:12 UTC
Permalink
Post by Valerio S
Post by mazapegul
comunque, avete scassato il cazzo con 'sta palla dei 60 anni! :-)
Steve Reich, 70 anni e fa ancora sperimentazione
La Monte Young, 70 anni e fa ancora sperimentazione
Terry Riley, 70 anni e fa ancora sperimentazione
John Cage, morto a 80 anni, e faceva ancora sperimentazione
Edgard Varèse, morto a 82 anni, e faceva ancora sperimentazione
Karlheinz Stockhausen, quasi 80 anni e fa ancora sperimentazione
Gilmour e soci, 60 anni e fanno musica per case di riposo
Vero, ma tutti gli artisti da te citati, da Steve Reich a Karlheinz
Stockhausen, non sono esattamente musicisti "rock"...
Per la stragrande maggioranza dei musicisti rock che abbiano
fatto sperimentazione, tale scelta è stata prima o poi abbandonata,
oppure hanno smesso di fare dischi (e di fare musica per professione).
[cut]

questo e' un dato di fatto (con pochissime eccezioni, quali Zappa
appunto), e se ne e' gia' parlato ampiamente. quello che pero' sembra
trasparire dal post di Pinky e' un discorso che suona piu' o meno cosi',
se permettete il romagnolismo: "dai susinone (Gilmour), lascia stare
quelle pataccate che c'hai 60 anni suonati!".

volevo solo evidenziare che la sperimentazione nell'arte viene fatta
anche da persone anche molto piu' vecchie di Gilmour.

il rock e' tuttavia "diverso".

ma per rock non si puo' piu' solo intendere solo qualcosa che ha
strettamente a che fare col blues ed Elvis Presley. il rock e' stato
contaminato dal jazz, classica, avanguadia colta, musica etnica di quasi
ogni parte del globo. e' una spugna colossale. e non ho problemi nel
ribadire che in alcuni casi i risultati sono sfigurerebbero neppure
accanto ai grandi capolavori della storia della musica.

tutti i compositori che ho elencato qui sopra sono in qualche modo
legati al rock. il minimalismo, ad esempio, ha esercitato forti
influenze su vari gruppi post rock fondamentali.

io mi sono accorto che difficilmente riesco ad avere una "affinita'
intellettuale" con chi apprezza solo musica di estrazione diciamo
"colta", tenendosi volutamente alla larga da qualsiasi cosa puzzi di
rock o di "popolare", anche da lontano. mi sono tuttavia accorto di
avere lo stesso problema con chi fa esattamente l'opposto. per me
esistono si dei generi, anche molto distinti, ma non esistono
assolutamente barriere.

tutto questo per dire che Gilmour fa bene a non strofinare piu' i tubi
sulle corde, perche' non gli interessa piu' da tempo, quello che gli
interessa e' un confortevole, tranquillo e sterile rockettino per case
di riposo.
non perche' a 60 anni non si strofinano piu' i tubi sulle corde.
--
http://pguiducci.com
"Jazz is not dead, it just smells funny." (F. Zappa)
Andrea-Pinky
2006-12-11 21:00:30 UTC
Permalink
Me ne ritorno ora, tomo tomo, cacchio cacchio, e ti becco mazapegul che
Post by mazapegul
quello che pero' sembra
trasparire dal post di Pinky e' un discorso che suona piu' o meno cosi',
se permettete il romagnolismo: "dai susinone (Gilmour), lascia stare
quelle pataccate che c'hai 60 anni suonati!".
non esattamente, ... infatti come tu dici sotto, il senso era che... a
Gilmour
Post by mazapegul
non gli interessa piu' da tempo
già lo dichiarò, credo, per i dischi dopo ASOS (Valerio, aiutami a
ricordare...): si era già stufato allora di passare l'asta del microfono
sulla chitarra. Quelle cose e' meglio farle solo se ci credi, e cio'
infatti non c'entra con l'età, la credibilità e l'efficacia.
--
Shine on!
Andrea
---
www.andersoncouncil.it
per scrivermi leva le dita dal naso
---
SIb FA SOL MI
Valerio S
2006-12-14 18:46:38 UTC
Permalink
Post by Andrea-Pinky
già lo dichiarò, credo, per i dischi dopo ASOS (Valerio, aiutami a
ricordare...): si era già stufato allora di passare l'asta del microfono
sulla chitarra.
Valerio S:
Beh, a essere precisi nei concerti finché hanno eseguito ASOS, quindi
sino al 1972 compreso, Gilmour per Something Else e Syncopated
Pandemonium continuava ben a passare aste di microfono o altri device
metallici sulle corde... è vero che lo faceva già da un po' di tempo più
per "esigenze di mestiere" che per voglia di farlo...

Saluti
--
|*** it.fan.musica.pink-floyd *** ; se non l'hai gia' fatto,
| leggi per favore il manifesto del NG... :-)
| quando ti e' possibile, leggi anche le FAQ del NG
Seldon
2006-12-07 18:23:41 UTC
Permalink
Post by mazapegul
mettersi a risuonare i brani della lontana gioventu', specie se il tutto
e' scontornato da quell'aura nostalgica (o per nostalgici),
effettivamente puo' risultare patetico.
Mmm.. forse si.
Ma almeno io che non sono nato ante71 ma che apprezzo tantissimo quella
fase di cui tanto si discute trovo per niente patetiche le esecuzioni di
Arnold Layne o Fat Old Sun di Gilmour oppure di Astronomy Domine quando fu
riproposta dai floyd a tre nei concerti del 94-95. Anzi!
Post by mazapegul
che poi diciamo la verita', e' da piu' di 20 anni che se i Pink Floyd
rifanno un brano pre Dark Side o e' una "canzoncina" o lo rifanno al
cloroformio, per non dire di peggio. altro che sperimentazione.
Effettivamente i pezzi che ho citato non è che siano risultati sperimentali
ma non li ho sentiti sonnacchiosi. Tu che ne pensi in dettaglio? Almeno di
quei tre che ho menzionato.
Post by mazapegul
mentre il materiale post Dark Side gli va ancora bene.
Dopo tutto quello che si è detto si.
Peccato sia poco ripreso Animals.
Post by mazapegul
comunque, avete scassato il cazzo con 'sta palla dei 60 anni! :-)
Uhè uhè e quest che cos'è?
Come sei aspra, come ti sei fatta aspra (questa la può capire Rob).
Post by mazapegul
Steve Reich, 70 anni e fa ancora sperimentazione
La Monte Young, 70 anni e fa ancora sperimentazione
Terry Riley, 70 anni e fa ancora sperimentazione
John Cage, morto a 80 anni, e faceva ancora sperimentazione
Edgard Varèse, morto a 82 anni, e faceva ancora sperimentazione
Karlheinz Stockhausen, quasi 80 anni e fa ancora sperimentazione
Ahem.. d'accordo. Ho ascoltato con piacere Reich se non erro proprio perchè
il nome l'hai fatto tu qui qualche volta e mi sono incuriosito. Conosco
qualcosa di Cage e ho sentito Stockausen anche "grazie" a Battiato. Ok,
sperimentazione e qualità ci sono. Ma diciamo anche che tali artisti anno
un seguito più o meno pari agli ospiti di una casa di riposo.
Post by mazapegul
Gilmour e soci, 60 anni e fanno musica per case di riposo
Ecco appunto.
;)
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Andrea-Pinky
2006-12-07 19:27:25 UTC
Permalink
Post by Seldon
Peccato sia poco ripreso Animals.
e li ci pensa zio rugge'..... peccato manchino gli altri pero
CAZZAROLA!

Shine on!

Andy Pinky
unita_logica
2006-12-11 09:54:34 UTC
Permalink
Post by Seldon
Post by mazapegul
Steve Reich, 70 anni e fa ancora sperimentazione
La Monte Young, 70 anni e fa ancora sperimentazione
Terry Riley, 70 anni e fa ancora sperimentazione
John Cage, morto a 80 anni, e faceva ancora sperimentazione
Edgard Varèse, morto a 82 anni, e faceva ancora sperimentazione
Karlheinz Stockhausen, quasi 80 anni e fa ancora sperimentazione
Ahem.. d'accordo. Ho ascoltato con piacere Reich se non erro proprio perchè
il nome l'hai fatto tu qui qualche volta e mi sono incuriosito. Conosco
qualcosa di Cage e ho sentito Stockausen anche "grazie" a Battiato. Ok,
sperimentazione e qualità ci sono. Ma diciamo anche che tali artisti anno
un seguito più o meno pari agli ospiti di una casa di riposo.
Beh, insomma, mica tanto.... sono nomi fondamentali, che han fatto,
stan facendo e faranno la storia della Musica. (Per cui, in fondo, che
abbiano seguito o no direi che e' irrilevante, ma questo e' un altro
discorso.) Le loro composizioni cominciano ad essere reinterpretate e
riproposte (dal vivo e non) da innumerevoli artisti, per cui il seguito
e' assai vasto ed eterogeneo, a dire il vero.

Il problema del rock e di tutti i suoi derivati e' che chi lo "produce"
invecchia malissimo, a parte pochissime eccezioni. Perche'
tradizionalmente parte da altri presupposti rispetto alla musica
"colta" sopracitata.
--
fuck those corporate aliens!
http://cubelogic.org/ustr_ga
unita_logica
2006-12-11 10:01:32 UTC
Permalink
per capire la lucidita' di un musicista post-60 ascoltatevi la
bellissima (e piuttosto recente) intervista di Reich per la NPR
(National Public Radio):

http://www.npr.org/templates/story/story.php?storyId=6209213

giuro che quando l'ho sentita alla radio (per puro caso) pensavo fosse
un nuovo giovane sperimentatore a parlare.
vercoquin
2006-12-11 13:05:10 UTC
Permalink
Post by mazapegul
Steve Reich, 70 anni e fa ancora sperimentazione
La Monte Young, 70 anni e fa ancora sperimentazione
Terry Riley, 70 anni e fa ancora sperimentazione
John Cage, morto a 80 anni, e faceva ancora sperimentazione
Edgard Varèse, morto a 82 anni, e faceva ancora sperimentazione
Karlheinz Stockhausen, quasi 80 anni e fa ancora sperimentazione
cut

Il problema del rock e di tutti i suoi derivati e' che chi lo "produce"
invecchia malissimo, a parte pochissime eccezioni. Perche'
tradizionalmente parte da altri presupposti rispetto alla musica
"colta" sopracitata.

cut

*** allora rimaniamo nell'ambito del rock sperimentale e ricordiamo gli
ottimi lavori a tutt'oggi di Robert Wyatt (1945), di tutti i membri degli
Henry Cow
(1948 e dintorni), i Faust (stessa data), John Zorn (1953), Magma (Christian
Vander 1948)
Can (holger Czukay, 1938!!) Robert Fripp (1946) giusto i primi nomi che mi
vengono in mente.
E' vero (come scrisse Valerio qualche mese fa) che i loro capolavori li han
fatti
in gioventu', ma ancora oggi fanno concerti e dischi di alto profilo.

---
fab
unita_logica
2006-12-12 03:24:04 UTC
Permalink
Post by unita_logica
Il problema del rock e di tutti i suoi derivati e' che chi lo "produce"
invecchia malissimo, a parte pochissime eccezioni. Perche'
tradizionalmente parte da altri presupposti rispetto alla musica
"colta" sopracitata.
*** allora rimaniamo nell'ambito del rock sperimentale e ricordiamo gli
ottimi lavori a tutt'oggi di Robert Wyatt (1945), di tutti i membri degli
Henry Cow
(1948 e dintorni), i Faust (stessa data), John Zorn (1953), Magma (Christian
Vander 1948)
Can (holger Czukay, 1938!!) Robert Fripp (1946) giusto i primi nomi che mi
vengono in mente.
E' vero (come scrisse Valerio qualche mese fa) che i loro capolavori li han
fatti
in gioventu', ma ancora oggi fanno concerti e dischi di alto profilo.
e sono d'accordo: infatti avevo scritto "a parte pochissime eccezioni".
;-)

ps.
cmq non definirei Zorn un musicista rock - al massimo ha influenze
punk/hardcore/metal... insieme a un'altra dozzina non-rock.
--
http://cubelogic.org/act
http://cubelogic.org/ustr_ga
Valerio S
2006-12-14 19:40:44 UTC
Permalink
Post by Seldon
Ahem.. d'accordo. Ho ascoltato con piacere Reich se non erro proprio perchè
il nome l'hai fatto tu qui qualche volta e mi sono incuriosito. Conosco
qualcosa di Cage e ho sentito Stockausen anche "grazie" a Battiato. Ok,
sperimentazione e qualità ci sono. Ma diciamo anche che tali artisti anno
un seguito più o meno pari agli ospiti di una casa di riposo.
Valerio S:
Veramente, nel 1978 ho visto un concerto in cui era presente John Cage
in persona (concerto di musiche sue, e Demetrio Stratos era fra gli
interpreti, ma Stratos che già da tempo faceva "sperimentazione vocale
estrema" non si poteva certo considerare un'artista "per il largo
pubblico"... vatti a sentire "Metrodora" o "Cantare la voce"...);
il concerto avvenne al Teatro Margherita qui a Genova (ora al suo posto
c'è un "grande magazzino" della COIN...), ed era un teatro di notevole
capienza, ed era tutto pieno. Qualche cantautore popolare emerso in
quegli anni e che era stato nello stesso teatro, NON era riuscito a
riempire il teatro, a volte nemmeno per metà...
Quindi, anche un John Cage aveva e probabilmente ha tuttora un
suo pubblico, certamente ben più vasto degli ospiti di una "casa di
riposo".

Probabilmente la convinzione oggi diffusa che Cage e Stockhausen abbiano
un pubblico assai ristretto è anche dovuta al fatto che di solito il
pubblico che segue la musica "seria contemporanea" e quello "di musica
popolare" hanno scarsi contatti fra di loro: non solo ascoltano musica
diversa, ma tendenzialmente frequentano anche ambienti diversi e di
solito non hanno neppure "amici comuni".
Però da numerosi "indizi" ho l'impressione che in quel periodo in cui
ho visto John Cage, la musica contemporanea seria avesse un pubblico
più vasto di ora.

Sono sempre più convinto che gli anni '80 abbiano portato una
*involuzione* nell'estetica musicale del pubblico "medio".

Ciao
--
|*** it.fan.musica.pink-floyd *** ; se non l'hai gia' fatto,
| leggi per favore il manifesto del NG... :-)
| quando ti e' possibile, leggi anche le FAQ del NG
Son Of Nothing
2006-12-14 22:52:27 UTC
Permalink
Post by Valerio S
Sono sempre più convinto che gli anni '80 abbiano portato
una *involuzione* nell'estetica musicale del pubblico "medio".
E grazie al cazzo. due generazioni dopo Elvis...
Seldon
2006-12-15 01:31:02 UTC
Permalink
Post by Valerio S
Veramente, nel 1978 ho visto un concerto in cui era presente John Cage
[cut]

Dai Valerio, l'esempio del concerto che citi non è la regola di gente del
calibro di Cage. Distinguiamo la qualità dal "seguito". Alcuni esempi te li
porto io: giorni fa c'è stato Ludovico Einaudi qui a Napoli: non ci sono
stato ma amici mi hanno riferito di un pubblico di appassionati non
numerosissimo. In estate sempre qui a Napoli Herbie Hancock (dico
Hancock!!) ha rimandato un concerto. La motivazione ufficiale non la
conosco e non me ne frega nemmeno di sapere cosa si siano inventati ma
conosco quella vera perchè uno dei responsabili della struttura dove si
doveva esibire è fratello di una mia amica. Quella vera era ovviamente
"pochi biglietti venduti" e il buon Herbie aveva mandato tutti affanculo.
Sempre ho visto Ray Mantilla sempre qui a Napoli (Vico Equense). Prima di
lui nella stessa struttura si erano esibiti altri artisti jazz tra cui un
ensemble con tra gli altri Marco Zurzolo.. Poca gente. E bada che
l'ingresso era gratuito se non erro.
Post by Valerio S
Demetrio Stratos
vatti a sentire "Metrodora" o "Cantare la voce"...);
Sentiti bene più volte.
Una volta ne ho pure accennato qui.
Post by Valerio S
Quindi, anche un John Cage aveva e probabilmente ha tuttora un
suo pubblico, certamente ben più vasto degli ospiti di una "casa di
riposo".
Quella era una battuta che riprendeva una frase da un altro post.
;)
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
unita_logica
2006-12-15 09:17:52 UTC
Permalink
Post by Seldon
Dai Valerio, l'esempio del concerto che citi non è la regola di gente del
calibro di Cage. Distinguiamo la qualità dal "seguito". Alcuni esempi te li
porto io: giorni fa c'è stato Ludovico Einaudi qui a Napoli: non ci sono
stato ma amici mi hanno riferito di un pubblico di appassionati non
numerosissimo. In estate sempre qui a Napoli Herbie Hancock (dico
Hancock!!) ha rimandato un concerto. La motivazione ufficiale non la
conosco e non me ne frega nemmeno di sapere cosa si siano inventati ma
conosco quella vera perchè uno dei responsabili della struttura dove si
doveva esibire è fratello di una mia amica. Quella vera era ovviamente
"pochi biglietti venduti" e il buon Herbie aveva mandato tutti affanculo.
Sempre ho visto Ray Mantilla sempre qui a Napoli (Vico Equense). Prima di
lui nella stessa struttura si erano esibiti altri artisti jazz tra cui un
ensemble con tra gli altri Marco Zurzolo.. Poca gente.
si, penso che tutte le musiche di confine richiedano una "scena" locale
affinche' i concerti siano popolati. Serve che ci sia almeno un locale
con un orientamento ben chiaro (una missione) ed una sana coggiutaggine
a proporre musiche inusuali affinche' la gente cominci a riempire le sue
sale. Allora il locale diventa una sorta di centro locale per tutti gli
interessati. Ma anche se cio' non avviene il pubblico e' assai piu'
vasto di quello che si puo' capire guardando i presenti al concerto.

e' chiaro che si parla sempre di ordini di grandezza in meno rispetto ai
fan degli U2 (per dirne uno ;-))
--
http://cubelogic.org/act
http://cubelogic.org/ustr_ga
Andrea-Pinky
2006-12-07 19:24:18 UTC
Permalink
Post by mazapegul
che poi diciamo la verita', e' da piu' di 20 anni che se i Pink Floyd
rifanno un brano pre Dark Side o e' una "canzoncina" o lo rifanno al
cloroformio, per non dire di peggio. altro che sperimentazione.
piu' che altro si sente che non ci credono piu' di tanto (escludo
Echoes dell'ultimo Gilmour che spaccava, con un Davidino che si
esaltava all'organo come un ragazzino!)
Post by mazapegul
mentre il materiale post Dark Side gli va ancora bene.
Subscribe
Post by mazapegul
comunque, avete scassato il cazzo con 'sta palla dei 60 anni! :-)
ROTFL
Post by mazapegul
Gilmour e soci, 60 anni e fanno musica per case di riposo
piu' che altro riposano a casa con mogl'e'figli (niente di male,
beninteso!)

Shine on!

Andy Pinky
Valerio S
2006-12-07 03:11:19 UTC
Permalink
Post by Seldon
L'ho appena riscritto ma non è un pensiero che è nato per aver letto
qualcos di tuo o di qualcun altro nello specifico. Semplicemente quello è
da tempo un mio pensiero. E' una vita che vado decantando le lodi di The
Wall più come album di "diffusione" del resto della musica del gruppo
piuttosto che come opera a se tanto per fare un esempio. Ho voluto quindi
ribadire questo pensiero. I floyd sono stati anche quel che han fatto a
partire di darkside.
Valerio S:
Certamente; gli stessi Gilmour e Wright pensano che il miglior periodo
(musicalmente) del gruppo sia stato quello dal 1972 al 1975. Probabile
che Waters pensi direttamente al 1979... ;-) . E' quindi chiaro che
i PF per primi ritengono che il gruppo sia stato anche e forse
soprattutto quello da The Dark Side of the Moon in poi; o perlomeno
di TDSOTM e di Wish You Were Here; su Animals già si nota come
Richard Wright non abbia più un suo spazio compositivo, e su The Wall
si restringe anche quello di Gilmour, mentre Waters taglia pure lo
spazio d'espressione a Wright (che finisce col farsi escludere dal
gruppo), per arrivare ad un The Final Cut dove Gilmour e Mason hanno
solo uno spazio d'espressione (Gilmour per qualche parte solista di
chitarra, Mason per dare un suo apporto agli effetti sonori del disco,
cosa che per altro non figura nei credits sulla copertina, visto che a
Waters davano molto fastidio i credits degli altri...).
Post by Seldon
Ma, e qui apro un'altra questione, c'è il fatto che per la maggior parte
dei fan i pink floyd sono ESCLUSIVAMENTE quel che han fatto da darkside in
avanti.. Sbaglio?
Valerio S:
Probabilmente è così. Anche perché la gran maggioranza dei fans attuali
dei Pink Floyd ha conosciuto la musica del gruppo a partire dal 1973 in
poi, anche per questioni anagrafiche...
Certamente se entrano in un negozio di dischi almeno decentemente
fornito, vedranno bene le copertine dei dischi dei Pink Floyd precedenti
a The Dark Side Of The Moon: dove sto io praticamente in tutti i negozi
o Store multimediali si possono trovare facilmente The Piper, Atom Heart
Mother, Meddle, e quasi sempre anche ASOS e Ummagumma. Talvolta
mancano More ed Obscured By Clouds, ma si tratta di mancanze temporanee.
Quindi anche i fans di cui tu parli, SE entrano nei negozi di dischi o
anche curiosando sui siti musicali d'Internet, sapranno per forza che i
dischi dei Pink Floyd precedenti a The Dark Side Of The Moon esistono.

Ma tu probabilmente intendi dire che, se anche sanno dell'esistenza
di un periodo del gruppo precedente a TDSOTM, i suddetti "fans di
maggioranza" considerano la musica del gruppo solo a partire da
TDSOTM in poi. Un po' come certi cazzoni di disc-jokey radiofonici
che avevo sentito qualche decennio fa, poco dopo la svolta di
maggiore fruibilità "pop" che Franco Battiato fece con "L'era del
Cinghiale Bianco": fecero ascoltare una parte di "Sequenze e Frequenze"
da Sulle Corde di Aries, e poi commentarono ridacchiando che
"quella non si poteva chiamare musica", ma era stata una specie di
"palestra" per Battiato per poi arrivare finalmente alla "vera musica".

Io nel mio esordio attivo su Internet nel 1999, nello spazio che allora
il sito curato da Zack Pirani dedicava ai frequentatori del sito, una
delle prime cose che ho detto è stato proprio il mettere in evidenza
come di fatto esistano differenti categorie di "fan" dei Pink Floyd,
e di come le diversità fra quelli amanti del periodo
psichedelico-sperimentale e quelli "Wallari" siano veramente grandi,
spesso maggiori che quelle fra un fan dei Queen e un fan dei King
Crimson.

Perché per molti di noi "filo-sperimentali" album come ASOS ed Ummagumma
furono *il punto di partenza* per poter ascoltare ed apprezzare opere
ancora meno "pop", come quelle dei musicisti di cui parla Mazapegul in
un suo post recente su questo thread. Ossia per una strada che portava
al di fuori del rock, su sentieri più difficoltosi ma potenzialmente
dalle possibilità quasi illimitate, dove non vi sono più i vincoli
tradizionali della musica "ortodossa" con le sue regole scritte e non
scritte.

Addirittura si sono persino ribaltati completamente gli elementi a cui
si dava valore. Per i "tardo-Watersiani" (nel senso di coloro che
apprezzano soprattutto le opere soliste di Waters e dei Pink Floyd
più che altro il periodo finale prima che Waters lasciasse il gruppo,
insomma soprattutto The Wall e The Final Cut), la parte testuale
degli album è importantissima, mentre per noi "filo-sperimentali"
contava quanto il due di coppe quando a briscola ci sono i denari.
Insomma, abbiamo un lessico ed una estetica musicale *completamente
diversi*.

La maggioranza dei "fans" di oggi identifica i Pink Floyd con ciò che
hanno fatto da The Dark Side Of The Moon in poi? Probabile,
ma questo non può cancellare le mie personali esperienze estetiche
sensoriali che ho avuto coi dischi precedenti, prima dell'uscita di
TDSOTM, ne' quello che quei dischi mi hanno dato.
Il fatto di voler identificare il gruppo con un certo periodo della sua
attività musicale è fuorviante, non m'importa d'identificare il gruppo
con The Piper o Ummagumma o AHM o The Dark Side of the Moon
o Animals o The Wall... per me conta la musica con cui ho un rapporto
affettivo-edonistico, che mi dà ricchezza sensoriale e piacere, che dà
spazio alla mia immaginazione.

Ciao
--
|*** it.fan.musica.pink-floyd *** ; se non l'hai gia' fatto,
| leggi per favore il manifesto del NG... :-)
| quando ti e' possibile, leggi anche le FAQ del NG
harlock
2006-12-03 20:26:12 UTC
Permalink
...certo non ci sarebbe stata la delusione di Darkside, il poppume di Wish
you were here, il rockettino di Animals, quella ciofeca di The Wall per non
parlare degli album-merda dopowaters..
:)
Quante volte sono state dette queste cose?
Io non sono molto d'accordo ma non voglio tanto entrare nel merito della
questione quanto invece evidenziare una probabile conseguenza della
ifmpf, i siti, gli hub, i blog e le radio dedicate specificamente a loro..
*NON ESISTEREBBERO*!
Detto tra parentesi, perchè di entrare nella solita polemica pre/post Dark
Side non mi interessa, ma, parliamo un attimo dei testi.
Ad esempio, certo che... come cavolo non si fa a non provare imbarazzo a
cantare un testo come quello di Echoes? "Overhead the albatross hangs
motionless upon the air"...
Mi viene in mente quando provo a strimpellare "Impressioni di Settembre"
della PFM. Quando arrivo a "Ma intanto il sole nella nebbia brilla già", è
troppo lolloso, sembra di cantare una canzonetta bucolica da figli dei
fiori pis en lov.
Invece, per esempio in Time, "Hanging on in quiet desperation is the
English way" è un verso geniale. E potrei metterci dentro Welcome to The
Machine, Dogs, etc. Come la mettiamo?
Bluesky
2006-12-04 00:58:10 UTC
Permalink
Post by harlock
parliamo un attimo dei testi.
(...)
Invece, per esempio in Time, "Hanging on in quiet desperation is the
English way" Ú un verso geniale. E potrei metterci dentro Welcome to The
Machine, Dogs, etc. Come la mettiamo?
Sì, io sono d'accordo.
Indubbiamente c'è più maturità, artistica e personale, nei testi post-Meddle
dei '70 (e in The Final Cut).
Più attenzione al progetto lirico, ecco.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Seldon
2006-12-04 01:35:04 UTC
Permalink
Post by harlock
Detto tra parentesi, perchè di entrare nella solita polemica pre/post Dark
Side non mi interessa, ma, parliamo un attimo dei testi.
[cut]
Premesso che non ho mai badato più di tanto ai testi dei PF non credo si
possa facilmente essere in disaccordo con te. I testi di qualità del Waters
che profonde in essi la maggior parte delle sue energie sono indubbiamente
un prodotto dei "falsi Pink Floyd" (ohè.. scherzo eh).
;)
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Son Of Nothing
2006-12-06 22:07:50 UTC
Permalink
Post by harlock
come cavolo non si fa a non provare imbarazzo
a cantare un testo come quello di Echoes?
"Overhead the albatross hangs motionless upon the air"
Bah... c'era di peggio nel dorato periodo del prog.
Andrea Pinky
2006-12-04 19:43:40 UTC
Permalink
Post by Seldon
..certo non ci sarebbe stata la delusione di Darkside, il poppume di Wish
you were here, il rockettino di Animals, quella ciofeca di The Wall per non
parlare degli album-merda dopowaters..
:)
Quante volte sono state dette queste cose?
Io non sono molto d'accordo ma non voglio tanto entrare nel merito della
questione quanto invece evidenziare una probabile conseguenza della
ifmpf, i siti, gli hub, i blog e le radio dedicate specificamente a loro..
*NON ESISTEREBBERO*!
il post '71 e' servito ad una percentuale altissima di fan a
(ri)scoprire il pre '71, poche balle!
Non tritiamoci su (soggettive) considerazioni di merito artistico! :-)
Il primo disco che ho sentito era AHM e avevo tre anni, e da li avanti
fino all'infinito e oltre, ma dopo ore a sentire DSOTM a 7 anni, son
tornato indietro. E allora metabolizzi Meddle, vivisezioni AHM, di
svaghi con OBC, strippi con ASOS, ecc.ecc.
Dario stesso (come un saaaaaaccco di gente) parte da un ascolto di
Shine e scopre e ama cio' che e' stato prima. Ma Shine (cazzarola,
Shine!) lo cattura, e allora ne vuole di piu'. Vogliamo fermarci a
pensare su 'sto fatto?
Chi, nato dopo il '71, ha approcciato i PF con album di una delle prime
due 'fasi' dei PF?
E allora come mai ha sondato la discografia precedente? Come mai,
comunque, siamo stati colpiti da una Breathe, o Shine, o ABITW, o LTF,
o KT, tanto da voler conoscere le 'radici' dei PF? Solo perche' ne
parlavano tutti? Ci credo poco... e comunque, fosse anche per questo,
prima del '71 non e' che ne parlassero proprio tutti, eh.....
quindi....
Se ascolto un pezzo di Cremonini alla radio, passano il video del
concerto a Londra e tutti ne parlano, GIURO che non mi passa nemmeno
per l'anticamera del cervello di ascoltarmi la sua discografia
precedente, ammesso che esista..... andwhatacock! (nessun giudizio su
Cremonini, e' solo un esempio...)

Shine on!

Andy Pinky

p.s. ogni tanto mi rivieni in mente e ti mando un sorriso... dovunque
tu sia!
Bluesky
2006-12-04 21:33:42 UTC
Permalink
Post by Andrea Pinky
il post '71 e' servito ad una percentuale altissima di fan a
(ri)scoprire il pre '71, poche balle!
(...)
Chi, nato dopo il '71, ha approcciato i PF con album di una delle prime
due 'fasi' dei PF?
E allora come mai ha sondato la discografia precedente? Come mai,
comunque, siamo stati colpiti da una Breathe, o Shine, o ABITW, o LTF,
o KT, tanto da voler conoscere le 'radici' dei PF?
Sottoscrivo in pieno.
E son convintissimo che questo era il senso del post d'apertura di Seldon.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Seldon
2006-12-05 01:11:24 UTC
Permalink
Post by Andrea Pinky
il post '71 e' servito ad una percentuale altissima di fan a
(ri)scoprire il pre '71, poche balle!
Non tritiamoci su (soggettive) considerazioni di merito artistico! :-)
Grande Andrea!
E' proprio quello che intendo dire.
Post by Andrea Pinky
p.s. ogni tanto mi rivieni in mente e ti mando un sorriso... dovunque
tu sia!
Ummaronn... mi gratto eh. :)
Sono sempre qui dove ci siamo incontrati l'ultima volta. Ma tra pochissimi
giorni mi trasferisco a pochi passi, in un posto dove Dario e Roberto,
perdendosi la prima volta che vennero qui, per curiosa coincidenza si
trovarono a "visitare" facendo conoscenza di una statua di Padre Pio,
ponti, ponticelli e cani randagi. Il sorriso è sempre ricambiato. Non so
spiegarmi perchè parlo spesso di te alle persone che incontro come del
ragazzo che ha smesso di contare gli anni a 38.. ;)
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Andrea Pinky
2006-12-05 19:07:33 UTC
Permalink
Post by Seldon
Post by Andrea Pinky
p.s. ogni tanto mi rivieni in mente e ti mando un sorriso... dovunque
tu sia!
Seldon
Post by Seldon
Ummaronn... mi gratto eh. :)
veramente mi riferivo a chi scriveva 'andwhatacock!'.......

Shine on!

Andy Pinky
Seldon
2006-12-05 19:30:01 UTC
Permalink
Post by Andrea Pinky
Post by Seldon
Ummaronn... mi gratto eh. :)
veramente mi riferivo a chi scriveva 'andwhatacock!'.......
Il buon Rob.. ci penso spesso quando prendo la Canon.
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Huyg
2006-12-04 20:17:38 UTC
Permalink
[CUTTUTTO]

Ma non vi pare davvero neanche un po' paradossale il continuare a valutare
il pre-Dark Side con i canoni del post e il post-Dark Side con i canoni del
pre?
Ma voi le donne che avete avuto le valutate in base a quelle che avete avuto
prima? E rivalutate quelle prima in base a quelle dopo?
Svarion
2006-12-04 22:18:08 UTC
Permalink
Post by Huyg
[CUTTUTTO]
Ma non vi pare davvero neanche un po' paradossale il continuare a
valutare il pre-Dark Side con i canoni del post e il post-Dark Side
con i canoni del pre?
Ma voi le donne che avete avuto le valutate in base a quelle che
avete avuto prima? E rivalutate quelle prima in base a quelle dopo?
questa è da quotare alla grande :-)
Son Of Nothing
2006-12-05 01:05:08 UTC
Permalink
Post by Svarion
questa è da quotare alla grande :-)
A me sembra un gran cazzata.
Con tutto il rispetto per la categoria (delle cazzate).
Seldon
2006-12-05 01:12:16 UTC
Permalink
Post by Huyg
Ma voi le donne che avete avuto le valutate in base a quelle che avete avuto
prima? E rivalutate quelle prima in base a quelle dopo?
Complicatissimo rispondere a questa..
Me la rispieghi per favore? Esistono dei RoIO?
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
unknown
2006-12-05 10:22:33 UTC
Permalink
Post by Seldon
Post by Huyg
Ma voi le donne che avete avuto le valutate in base a quelle che avete avuto
prima? E rivalutate quelle prima in base a quelle dopo?
interessante questa!!
Post by Seldon
Complicatissimo rispondere a questa..
dipende....
se si ama veramente il confronto non dovrebbe avere senso... oppure può
venire fatto ma dovrebbe sempre essere a favore di chi/ciò che si ama.......

per fare un esempio nel topic musicale io amo Achtung Baby... e anche se ci
possono essere dei singoli aspetti di AB inferiori/peggiori di quelli di
altri album, U2ici e non , io cmq amo AB, anche se può avere più limiti di
altri, ma non mi interessa, Love Is Blindness ;-)

Se invece parliamo solo di piacere, inteso come gradino inferiore all'amore,
allora il confronto ha più senso: A Night At The Opera o Innuendo dei Queen
mi piacciono più di The Miracle ;-)

e lo stesso può valere per le donne (o uomini, nel caso della
sottoscritta!!!
:-p) che si hanno avuto!!

ciao a tutti
UV




--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Andrea Pinky
2006-12-05 19:09:45 UTC
Permalink
Post by Seldon
Post by Huyg
Ma voi le donne che avete avuto le valutate in base a quelle che avete avuto
prima? E rivalutate quelle prima in base a quelle dopo?
Complicatissimo rispondere a questa..
Me la rispieghi per favore? Esistono dei RoIO?
LOLLLLISSSSSIMMMOOO!!!

Shine on!

Andy Pinky
Huyg
2006-12-05 21:01:24 UTC
Permalink
Post by Seldon
Post by Huyg
Ma voi le donne che avete avuto le valutate in base a quelle che avete avuto
prima? E rivalutate quelle prima in base a quelle dopo?
Complicatissimo rispondere a questa..
Me la rispieghi per favore? Esistono dei RoIO?
Francamente, come paragone in senso stretto, ad un certo punto non regge
molto. Anzi, è tiratissimo per i capelli. Ma sul momento m'è uscito quello.

Il fatto è che mi pare tanto strano sentir definire il pre-dark side come
meno darksideiano e il post dark-side come meno ummagummaro. Io sostengo da
anni che ci si può rammaricare quanto si vuole, o gioire quanto si vuole,
della svolta di Dark Side. Ma, dal momento che svolta c'è stata, non si può
considerare "brutto" un Wish You Were Here perché poco somigliante a Meddle,
per dirne uno. Lo si potrà considerare deludente. Lo si potrà considerare
noioso. Ma la critica relativa a Wish You Were Here al 1975 si dovrà
riferire, almeno come idea.
Seldon
2006-12-06 10:25:12 UTC
Permalink
Huyg ha scritto:

[H]
Post by Huyg
Post by Seldon
Post by Huyg
Ma voi le donne che avete avuto le valutate
in base a quelle che avete avuto prima?
E rivalutate quelle prima in base a quelle dopo?
[S]
Post by Huyg
Post by Seldon
Complicatissimo rispondere a questa..
Me la rispieghi per favore? Esistono dei RoIO?
[H]
Post by Huyg
Francamente, come paragone in senso stretto, ad un certo punto non regge
molto. Anzi, è tiratissimo per i capelli. Ma sul momento m'è uscito quello.
:)))
Io mi riferivo esclusivamente della metafora che avevi usato.
Post by Huyg
Il fatto è che mi pare tanto strano sentir definire il pre-dark side come
meno darksideiano e il post dark-side come meno ummagummaro. Io sostengo da
anni che ci si può rammaricare quanto si vuole, o gioire quanto si vuole,
della svolta di Dark Side. Ma, dal momento che svolta c'è stata, non si può
considerare "brutto" un Wish You Were Here perché poco somigliante a Meddle,
Sono certamente d'accordo.
Infatti, tornando a parlare quindi di floyd, io non dico altro che i floyd
sono stati anche tutto quanto è seguito al famoso disco col prisma. Va bene
pure paragonare i dischi vecchi con i più recenti ma mai al punto di
sostenere frasi del tipo: "i pf sono finiti nel...". Questo è quanto.
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
mazapegul
2006-12-06 15:54:01 UTC
Permalink
Post by Seldon
Infatti, tornando a parlare quindi di floyd, io non dico altro che i floyd
sono stati anche tutto quanto è seguito al famoso disco col prisma. Va bene
pure paragonare i dischi vecchi con i più recenti ma mai al punto di
sostenere frasi del tipo: "i pf sono finiti nel...". Questo è quanto.
guarda che non si parlavava di questo. o almeno io ho sempre inteso che
i Pink Floyd *come gruppo rock sperimentale* e' esaurito praticamente
nel '71. poi lo stesso gruppo ha poi continuato a cambiare direzioni
artistiche occupandososi di altre cose.
poi, se ad uno interessa maggiormente e da piu' valore artistico
all'aspetto sperimentale, e' chiaro che per lui il gruppo ha
praticamente terminato di destare interesse con l'arrivo di Dark Side, o
piu o meno. e questo puo' essere successo anche a chi, quando usci' Dark
Side, non era ancora nato.
mi sembra che si stia discutendo di questo non di altro.
--
http://pguiducci.com
"Jazz is not dead, it just smells funny." (F. Zappa)
Seldon
2006-12-07 00:39:58 UTC
Permalink
Post by mazapegul
io ho sempre inteso che
i Pink Floyd *come gruppo rock sperimentale* e' esaurito praticamente
nel '71. poi lo stesso gruppo ha poi continuato a cambiare direzioni
artistiche occupandososi di altre cose.
Quindi, scusa Paolo, intendi dire che dal 71 in avanti "sperimentazione"
nei floyd uguale a zero? Nello stesso darkside come definiremmo On the Run?
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
Son Of Nothing
2006-12-07 00:50:28 UTC
Permalink
dal 71 in avanti "sperimentazione" nei floyd uguale a zero?
La sperimentazione, la tendenza all'alternanza-alterità,
in porkypaolo, è vista come ricchezza di possibilità,
collaborazione ed interazione fra punti di vista diversi.
Quell'alterità che - per inciso - col tempo mi ha condotto
a deprezzare, sminuire il valore di Dark Side.
Sebbene...
Nello stesso darkside come definiremmo On the Run?
Sebbene OTR sia sperimentazione pura.
Ma, purtroppo, episodica e non vorrei casuale.
http://digilander.libero.it/floyder
La aggiorniamo la mia ID-card?
Seldon
2006-12-07 19:08:12 UTC
Permalink
Post by Son Of Nothing
La sperimentazione, la tendenza all'alternanza-alterità,
in porkypaolo, è vista come ricchezza di possibilità,
collaborazione ed interazione fra punti di vista diversi.
Fermiamoci un momento.
Come si spiaga che negli anni della sperimentazione colui che era il
maggior artefice della stessa, quando si trovava a lavorare insieme agli
altri, sfornasse in solitaria pezzi come Summer 68 e S.Tropez?
Post by Son Of Nothing
Post by Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
La aggiorniamo la mia ID-card?
Mi pare che poco tempo fa mi chiedesti di toglierla no?
Rimanda due righe sullo stile delle altre che ripubblico.
--
Seldon
http://digilander.libero.it/floyder
Il Web di it.fan.musica.pink-floyd
NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO
mazapegul
2006-12-07 02:30:24 UTC
Permalink
Post by Seldon
Post by mazapegul
io ho sempre inteso che
i Pink Floyd *come gruppo rock sperimentale* e' esaurito praticamente
nel '71. poi lo stesso gruppo ha poi continuato a cambiare direzioni
artistiche occupandososi di altre cose.
e' chiaro che per lui il gruppo ha
praticamente terminato di destare interesse con l'arrivo di Dark Side, o
piu o meno.
Quindi, scusa Paolo, intendi dire che dal 71 in avanti "sperimentazione"
nei floyd uguale a zero?
no. si intende, per comodita', il gennaio '72 come inizio ufficiale del
cambiamento (leggi anche: svolta commerciale), perche' risale a quel
periodo la presentazione dal vivo della versione embrionale di Dark
Side.

poi, visto che il mondo e' a colori non in bianco e nero, in realta'
l'ultimo disco in studio che contiene cose sperimentali "serie" e'
Ummagumma (1969). dal vivo il culmine del periodo sperimentale e'
senz'altro il 1970, e continuo' per tutto il 1971. perte del repertorio
sperimentale (tipo ASOS, Set The Controls o Careful) vennero tuttavia
eseguite saltuariamente dal vivo anche durante il 1972 e 1973.
Post by Seldon
Nello stesso darkside come definiremmo On the Run?
e' ancora un brano sperimentale, certo. uno spezzone di 3:33 in mezzo a
ben altro genere di roba.
--
http://pguiducci.com
"Jazz is not dead, it just smells funny." (F. Zappa)
Andrea-Pinky
2006-12-07 19:30:58 UTC
Permalink
Bluesky
2006-12-06 21:32:42 UTC
Permalink
Post by Seldon
Va bene
pure paragonare i dischi vecchi con i più recenti ma mai al punto di
sostenere frasi del tipo: "i pf sono finiti nel...".
Ho ben capito (e concordo) quello che spieghi.
Però - volendo scherzare un po' con la fantasia verbale - può venir da
chiedersi se, dopo la preposizione articolata "nel" - s'intenda mettere un
sostantivo indicante tempo (es. "1971"), oppure un sostantivo indicante
luogo (es. la famosa tazza in ceramica bianca, che solitamente troneggia
nelle sale da bagno...)
;-))

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Son Of Nothing
2006-12-06 22:04:19 UTC
Permalink
Post by Bluesky
Però - volendo scherzare un po' con la fantasia verbale - può venir da
chiedersi se, dopo la preposizione articolata "nel" - s'intenda mettere un
sostantivo indicante tempo (es. "1971"), oppure un sostantivo indicante
luogo (es. la famosa tazza in ceramica bianca, che solitamente troneggia
nelle sale da bagno...)
Se a chiederselo sei tu, non fa una grinza.
mazapegul
2006-12-05 22:15:20 UTC
Permalink
Post by Huyg
Ma voi le donne che avete avuto le valutate in base a quelle che avete avuto
prima? E rivalutate quelle prima in base a quelle dopo?
scusa ma il paragone non calza proprio. visto si parla dello stesso
gruppo dovresti parlare della stessa donna (o uomo a seconda dei gusti).
il paragone suona meglio posto nei seguenti termini:

preferivi tale donna quando faceva i salti mortali nei luoghi piu'
impensabili, o dopo, quando all'avventura preferiva il lettuccio e la
sicurezza delle mure di casa?
--
http://pguiducci.com
"Jazz is not dead, it just smells funny." (F. Zappa)
Huyg
2006-12-05 23:03:18 UTC
Permalink
Post by mazapegul
Post by Huyg
Ma voi le donne che avete avuto le valutate in base a quelle che avete avuto
prima? E rivalutate quelle prima in base a quelle dopo?
scusa ma il paragone non calza proprio. visto si parla dello stesso
gruppo dovresti parlare della stessa donna (o uomo a seconda dei gusti).
Guarda, come ho già detto, il paragone è frutto di una trovata estemporanea
e fa acqua da tutte le parti... ma una delle poche parti da cui non fa acqua
è quella.
Io l'ho sostenuto più e più volte... non si parla no, dello stesso gruppo. A
meno di voler sostenere che un gruppo si esprima oltre gli album e i
concerti che fa. Sì, OK, erano gli stessi quattro... ma gli album erano
completamente diversi. La direzione era diversa. Azzo, non si parlerebbe di
questo se tutto non fosse diverso!
Comunque, il punto non è questo, ovvero: non è "stesso gruppo o gruppo
diverso".
Io dico solo che tutte le valutazioni sono possibili, da ogni punto di
vista. Ma a me è sembrato che in alcuni post di questo thread, il concetto
fosse: "il problema degli album post Dark Side è che non erano come quelli
prima"... e graziarcazzo!!
Bluesky
2006-12-06 00:52:44 UTC
Permalink
Post by mazapegul
visto si parla dello stesso
gruppo dovresti parlare della stessa donna (o uomo a seconda dei gusti).
preferivi tale donna quando faceva i salti mortali nei luoghi piu'
impensabili, o dopo, quando all'avventura preferiva il lettuccio e la
sicurezza delle mure di casa?
Ehehe, questa domanda/paragone è effettivamente più calzante :-/
:-)

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Continua a leggere su narkive:
Loading...